lunedì 23 settembre 2013

Rubrica: Un albero di parole {1} Ministro, Ineludibile, To respite e...

Buondì! ^^

Rubrichetta nuova nuova *-*
Devo ammettere che è nata un po' per caso...Stavo mettendo in ordine un po' le mail e continuavano a spuntarmi le newsletter di Una parola al giorno (sarà forse perché mi mandano una parola al giorno? ù.ù) e dello Zanichelli perciò mi sono detta: Perché non girare queste parole anche a coloro che mi seguono? Soprattutto perché con lo Zanichelli mi arrivano delle parole assurdissime, mentre quelle di Una parola al giorno, per il momento, sono più easy. InZomma...è una rubrica nata dalla speranza di arricchire il mio povero vocabolario, almeno di sinonimi!!! Si...Sono una frana quando si tratta di sinonimi T.T
A mio parere sarebbe utile che anche alcuni scrittori (o traduttori?) seguissero il mio esempio ù.ù Chi ha orecchie per intendere...intenda!


Un albero di parole, è una rubrica creata da Me, Medesima, Me Stessa. Nato un po' per caso ed un po' per necessità, questo nuovo spazio giornaliero ha lo scopo di arricchire un vocabolario che va via via impoverendosi sempre più. Si sà, la speranza è l'ultima a morire.
E siccome la mia dipendenza da Telefilm mi ha portato ad avvicinarmi alla lingua inglese (più di quanto pensassi ù.ù), grazie al Ragazzini, ci sarà una parola anche in Inglese. Ad arricchire il tutto, infine, troverete in chiusura il film del giorno, perché queste sconosciute non sono solo le parole.

Una parola al giorno: Ministro
Sillabazione: Mi-nì-stro. Ministro (Sostantivo Maschile)
Dal latino: [minister] aiutante, derivato di [minus] minore, con un suffisso [-ter] che indica la comparazione fra due.
Significato: Membro del governo; chi esercita un alto ufficio; amministratore.
È una parola che è stata impiegata con un numero sconfinato di significati - dai più umili ai più elevati. Facendo una rapida panoramica, vediamo che dall'accezione latina di inserviente con mansioni varie è passato ad indicare i sacerdoti, e cariche dell'amministrazione statale o diplomatiche, e in generale ogni alto ufficio portato avanti in nome di un'entità superiore; ma ministro è anche chi si adopera per lo sviluppo di qualcosa - pace, giustizia, cultura. Quindi si parlerà dei ministri littori dell'antica Roma, delle prerogative dei ministri di culto, del rimpasto di ministri al governo, del ministro plenipotenziario dell'ambasciata, del mecenate che si fa ministro dell'arte, del personaggio carismatico ministro di pace, e via dicendo. È una parola nobile, e segna l'altezza del ruolo di chi serve umilmente qualcosa di superiore.
È curioso che "ministro" abbia un contrario etimologico, che è "maestro"; dal latino [magister], composto di [magis] maggiore e dal suffisso [-ter]. Se il ministro è il minore, il maestro è il maggiore.

Una parola dello Zingarelli al giorno: Ineludibile
Sillabazione: I–ne–lu–dì–bi–le. Ineludibile (Aggettivo)
Composto da [in-] e dell'aggettivo verbale di eludere.
Significato: Che non si può eludere: una questione, una scelta ineludibile. 
Sinonimo: Inevitabile
Sostantivo Femminile Invariabile: Ineludibilità.

La parola del giorno del Ragazzini: To respite
Tavole di flessione: Respite (Verbo)
Pronuncia: To respite - rɛspaɪt - (USA) rɛspɪt
Significato: 1) Verbo transitivo. Dare respiro a qualcuno (someone); dare tregua a qualcuno (someone) 2) Commercio. Concedere una dilazione a (un debitore, ecc.) 3) Commercio. Differire (un pagamento) 4) Legale. Sospendere (una grave condanna).

Il Morandini consiglia: Le quattro giornate di Napoli
Descrizione: Italia. 1962. Genere: Guerra Durata:116′ Fotografia: Bianco&Nero Visione Consigliata: A Tutti. Voto Critica: 3 Voto Pubblico: 4
Recensione (Il Morandini 2013): Dal 28 settembre al 1° ottobre 1943 il popolo napoletano sentì di avere davanti non soltanto i tedeschi del colonnello Scholl da buttar fuori, ma tutti gli oppressori stranieri del passato. Prodotto dalla Titanus, è un film corale dal ritmo largo che alterna belle pagine a ridondanze retoriche, mescolando con sagacia volti e casi privati con l'epopea collettiva. Il soggetto originale è di Vasco Pratolini. Qualche tarantella di troppo nella colonna musicale di C. Rustichelli. 
3 Nastri d'argento: Film (ex aequo con Salvatore Giuliano), Sceneggiatura, Miglior attrice non protagonista: Regina Bianchi.
Questa sera, alle 21.30, su: Rai Storia.


Il banner della rubrica è stato realizzato utilizzando un'immagine che ritrae un albero ideato e realizzato da Gariwo, con la calligrafia di Marta Mapelli, per celebrare le parole chiave utilizzate durante la Giornata europea dei Giusti (6 Marzo). Io ho semplicemente fatto il negativo dell'immagine e giochicchiato con i colori ù.ù

4 commenti:

  1. Ci piace questa nuova rubrica, si si! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che la rubrichetta nuova piaccia *-* Tutto merito di coloro che scrivono i vocabolari XD
      Oh mamma...Non mi ero accorta che l'azzurro scelto per lo sfondo della descrizione fosse così flesciante o.o Mi sa che ci lavorerò su ù.ù

      Elimina
  2. Piace molto anche a me! :D Bellissima idea!

    Anche se, lo ammetto, quando ho un dubbio su qualche parola preferisco sfruttare il sito della Treccani (e, per dubbi più "consistenti", quello della Crusca).

    RispondiElimina
  3. Uh che bella questa rubrica!!! E che bei siti mi hai fatto scoprire!!!

    RispondiElimina

Se vuoi essere aggiornato sugli ultimi commenti pubblicati per questo post clicca su Iscriviti per email.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...